L'Arciliuto Press Agency

Un progetto Promosocial.it

@TeatroArciliuto – Giovedì, 15 ottobre 2015: Vernissage di Gina Laganà

mostra_GinaLaganaLamagna(@TeatroArciliuto) (@Arciliutopress) (@atuttosocial) (@promosocialit)

Giovedì 15 ottobre 2015  alle ore 18,00 al Teatro Arciliuto “Machere, Acrobati e Saltimbanchi” -Dipinti di Gina Laganà

E’ una pittura di personaggi di spettacolo che stupiscono e incantano, ma senza clamori, anzi in una singolare dimensione da stanza, quasi che la pittrice avesse tratto spunto da figure così piene di energia per una sorta di ripiegamento interiore che è il vero contenuto del suo lavoro…

Dalle ore 20,00 Aperitvo Cena facoltativo
Drink euro 10,00

http://www.arciliuto.it/it/programmazione/spettacoli/232-mostramaschereacrobatiesaltimbanchi.html

Introduzione alla mostra di Claudio Strinati:
Il ciclo che Gina Laganà ha eseguito parla del Circo, di saltimbanchi, di acrobati, e tutti i personaggi sfilano davanti all’osservatore come una forza di sottrazione dalla materia pittorica, da un lato carica e robusta ma dall’altro consumata e remota.

E’ una pittura di personaggi di spettacolo che stupiscono e incantano, ma senza clamori, anzi in una singolare dimensione da stanza, quasi che la pittrice avesse tratto spunto da figure così piene di energia per una sorta di ripiegamento interiore che è il vero contenuto del suo lavoro.
Ne scaturisce una atmosfera sospesa da cui non promana un senso del tutto lieto ma neppure malinconico.
Circola nelle belle immagini una profonda discrezione unita ad una gagliarda voglia di esprimersi e di comunicare, mantenendosi, però, in una posizione proprio di lontananza rispetto all’immediatezza della percezione.
Su un argomento tanto trattato è interessante vedere il punto di vista insolito di una pittrice come Gina Laganà.
Sembra quasi che sotterranei ricordi di una Scuola romana drammatica e incandescente di luci e di colori, come fu per Scipione o Mafai, restino latenti nell’immaginario della nostra artista, ma qui le immagini si fanno serrate e disinvolte per cui restano ingabbiate nella struttura del quadro che è ferrea e delicata insieme.
E’ una piccola epopea intima, non aliena da un effetto tutto femminile per le cose rappresentate e finissima nella qualità della stesura.

Nota biografiche:
Gina Laganà (Maria Bevacqua) è nata a Taurinova, Reggio Calabria. Giovanissima, con la famiglia, si trasferisce a Roma, dove avrebbe voluto realizzare il suo sogno, frequentando l’Accademia delle Belle Arti, ma ostacolata in questa sua scelta dalla madre, che riteneva questo genere di studio poco adatti ad una ragazza.
Comincia, quindi, a prendere lezioni private da un suo vicino di casa, il Maestro Renzo Vespignani, che all’epoca viveva in Viale Trastevere, il quale le trasmette oltre alle tecniche ed ai segreti del mestiere, un profondo amore per il disegno e la figura.
Dopo numerosi viaggi in Europa, ed in particolare Londra e Parigi, si ferma a Firenze, a casa del fratello che abitava nel cuore della città vecchia, e dove il destino vuole abitasse anche un bravo scultore, specializzato in riproduzioni ed ingrandimenti. Lagna frequenta per un certo periodo il suo studio, apprendendo dal maestro le basi per modellare l’argilla e lavora il marmo. Nello stesso periodo l’amore per l’arte ed il desiderio di apprendere e penetrare sempre più questo mondo, la portano anche a lavorare in alcune vecchie botteghe di restauratori fiorentini.
Ancora una volta, in una smania di conoscenza giovanile, lascia l’Italia per trasferirsi da alcuni parenti negli Stati Uniti, e dove per un certo periodo dipinge e vende numerose sue opere.
Nel 1969 di ritorno a Roma, conosce e sposa lo scultore Ernesto Lamagna. Lavorando per diversi anni nello studio presso la “Minerva”, alterna la stretta collaborazione al lavoro del Maestro, al restauro e alla pittura, realizzando numerosi ritratti di bambini, e personaggi del mondo romano e Vaticano, come il ritratto di donna Mietta Naccarato e quello di Sua Eminenza il Cardinale Tauran.
Nel 1986 ritorna negli Usa (Huston – NY) e nel 1987 in Canada (Toronto) dove inizia un proficuo e tuttora valido rapporto di lavoro, e dove vanta numerosi collezionisti.

***

Teatro ARCILIUTO

Piazza Montevecchio, 5 – 00186 Roma (Italy)
Tel. +39 06 6879419 o al mobile 333 8568464
info@arciliuto.it

http://www.arciliuto.it/

@TeatroArciliuto

Teatro Arciliuto Pagina Facebook

Annunci

Informazioni su Redazione

Informazione generalista nell'ambito del web forti della collaborazione con il portale Allinfo.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 ottobre 2015 da in Anno 2015, News con tag , , , .

Save the Date

ottobre: 2015
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 10.529 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: